fbpx Skip to content

IRES: DETRAZIONE per la riqualificazione energetica

I titolari di reddito di impresa che eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici utilizzati nell’esercizio dell’attività imprenditoriale possono detrarre una parte delle spese sostenute per i lavori dall’Imposta sul Reddito delle Società (IRES).

L’importo da portare in detrazione può variare dal 50% al 85% della
spesa e le spese ammesse comprendono sia i costi per i lavori relativi all’intervento, sia quelli per le prestazioni professionali necessarie a realizzare l’intervento stesso e acquisire la certificazione energetica richiesta.

Il CREDITO DI IMPOSTA va ripartito in 10 rate annuali di pari importo ma in può essere ceduto, infatti dal 2019 i soggetti aventi diritto alle detrazioni spettanti per gli interventi di riqualificazione energetica (art.14 DL 4 giugno 2013 n. 63) possono optare, in luogo dell’utilizzo diretto delle stesse, per un contributo di pari ammontare, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi stessi. Il fornitore recupera lo sconto come credito d’imposta, da utilizzare in compensazione tramite modello F24 in cinque quote annuali di pari importo; in alternativa, può a sua volta cedere il credito d’imposta ai propri fornitori di beni e servizi.

Interventi ammissibili

I seguenti interventi sono ammessi all’agevolazione fiscale:

  1. riqualificazione energetica di edifici esistenti volti a conseguire un risparmio del fabbisogno di energia primaria;
  2. interventi sull’involucro degli edifici;
  3. installazione di pannelli solari;
  4. sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.
  5. acquisto e posa in opera delle schermature solari
  6. acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili
  7. acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda e di climatizzazione delle unità abitative
  8. acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti
  9. sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione
  10. acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

La scadenza è fissata per il 31/12/2019, contattateci per maggiori informazioni su come accedere al bando.

Vai al sito dell’Agenzia delle Entrate

Lascia un commento